Glutei: tanto è lì che guardano tutti

Secondo l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery, il rimodellamento dei glutei è un intervento che sta crescendo al ritmo del 20% ogni anno. Aiutato anche dalle nuove metodiche sempre più sofisticate.

Per esempio, è sempre più diffuso l’utilizzo del grasso autologo per spostare volumi dove sono andati persi.
Spesso, in abbinamento con una laserlipolisi per ridefinire le linee del corpo.

L’approccio combinato

Dunque, la maggior parte delle volte si propone un approccio combinato per ridurre il grasso dove non serve e riutilizzalo, dopo averlo purificato, per rimodellare le aree dove serve. Le cellule ottenute dal tessuto adiposo vanno a generare altre cellule, avviando quindi un processo di rigenerazione, mentre la parte di grasso che rimane si dimostra più stabile, permettendo un rimodellamento della zona trattata.

La tecnica del lipofillig

La tecnica del lipofillig prevede il prelievo del grasso nelle zone attraverso l’utilizzo di cannule molto sottili. Questo viene, poi, trattato con un processo di centrifuga per eliminare le cellule morte e i liquidi in eccesso. La parte rimanente sarà, alla fine, riposizionata attraverso delle piccole siringhe nei punti indicati. I risultati dell’intervento si cominciano ad apprezzare circa dopo un mese.